La sperimentazione animale crea più danni che benefici

𝗟𝗮 𝘀𝗽𝗲𝗿𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗮𝗻𝗶𝗺𝗮𝗹𝗲 𝗲 𝗶 𝗺𝗼𝗹𝘁𝗶 𝗱𝗮𝗻𝗻𝗶 𝗽𝗿𝗼𝘃𝗼𝗰𝗮𝘁𝗶 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝘀𝗼𝗰𝗶𝗲𝘁𝗮̀.

La talidomide, fu inventata dalla ditta tedesca Chemie Grünenthal negli anni 50’ e fu messa in commercio dopo anni di prove su animali. Altri paesi, come l’Inghilterra e la Svizzera, dopo aver acquistato la licenza provarono l’innocuità assoluta di uno degli enantiomeri del farmaco sugli animali.

Il farmaco veniva prescritto come sedativo, anti-nausea e ipnotico, rivolto in particolar modo alle donne in gravidanza.

Ritirato dal commercio nel 1961 (dopo 10 anni), il ritiro fu dovuto alla scoperta della teratogenicità di uno dei suoi enantiomeri: le donne trattate con talidomide davano alla luce neonati con gravi alterazioni congenite dello sviluppo degli arti, ovvero amelia e focomelia.

Dopo 52 anni (nel 2012) la ditta produttrice del farmaco ha porto le proprie scuse ufficiali.

Il talidomide era stato sperimentato sugli animali? sì

E fra le cavie, c’erano anche quelle gravide? sì

I medici Ray Greek e Jean Swingle Greek hanno più volte ribadito che i testi su ratti gravidi avvennero, ma non diedero alcun risultato di malformazione sugli animali.

(fonte: Dark Remedy: The Impact of Thalidomide and its Revival as a Vital Medicine di Trent Stephens e Rock Brynner.)

Questo confermerebbe quanto da noi (animalisti ndr) è sempre stato evidenziato e cioè che la SA produce più danni che benefici. Infatti, molte molecole vengono scartate perché dannose agli animali (poi risultate benefiche per l’uomo) e molte altre messe in commercio per poi essere ritirate perché all’uomo provocavano danni non rilevati sugli animali.

Condividi con chi vuoi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *