Animalisti in Corteo a Parma per i macachi

Il 6 luglio a Parma si svolgerà un Corteo Nazionale per la difesa dei 6 macachi:

“SALVIAMO I MACACHI”

“Vogliono lesionare il cervello di sei macachi per esperimenti che non serviranno ai malati. Questi 6 macachi saranno utilizzati e uccisi all’Università di Parma in collaborazione con quella di Torino. – così Alessandro Mosso presidente di Animalisti Onlus – Una ricerca finanziata con 2 milioni di euro di fondi europei. Chiediamo alla Ministro della Salute GRILLO di FERMARLI !!

L’università di Torino con il suo “Lightup – Turning the cortically blind brain to see” – continua Alessandro Mosso – vuole di fatto tornare indietro a metodi che nulla hanno a che fare con la scienza.

I metodi alternativi esistono ma i “ricercatori”, chiamati “vivisettori” dagli animalisti ‘cosa non gradita agli stessi’, non vogliono il progresso semplicemente perché vorrebbe dire che in tutti questi anni, questi sedicenti “scienziati” hanno raccontato frottole a tutti anche a se stessi.

L’indotto sulla sperimentazione / vivisezione ANIMALE – conclude il presidente di Animalisti Onlus – è enorme: Libri di testo, CD scientifici, Medici, Analisti, Commercialisti, Avvocati è una miriade di altri personaggi che ricevono soldi da questo INUTILE E DANNOSO business.”

Alcuni dati:

Il Ministero della Salute ha pubblicato i numeri degli animali utilizzati nel 2017 a fini sperimentali e si tratta di dati allarmanti: in totale 580.073 animali nel 2017. Le scimmie sono tra le specie il cui utilizzo e uccisione è in crescita: già raddoppiate, salgono a 586. In aumento anche i cani (639) e i conigli. Procedure dolorose per il 46% degli animali. Aumentano a 2.538 gli animali allevati per il solo mantenimento di colonie geneticamente modificate. 1.598 gli animali ancora utilizzati a fini didattici. Dove vogliono arrivare prima di capire che questi “studi” non portano a nulla se non alle sevizie di innocenti.

Firma anche tu la petizione della LAV change.org/civediamoliberi

Condividi con chi vuoi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *