Vivisezione Parma – salviamo i macachi

Perché nessuno dice cosa e come sulla vivisezione. Parma 14 settembre 2019 – salviamo i macachi.

Se mi mettessi a parlare di lobo parietale, neuroni specchio, pattern motorio, corteccia parietale e così via, molti interromperebbero la lettura.

Quindi mi limito a descrivere con parole semplici cosa e come, i “ricercatori” che sperimentano sugli animali, vogliono “scoprire” da questi esperimenti invasivi.

Partiamo da un presupposto, se prendo una mela e la lascio cadere nel vuoto insieme ad una biglia di ferro della stessa grandezza e dalla stessa altezza della mela (ovviamente in assenza di agenti atmosferici, attrito, eccetera), questi oggetti arriveranno a terra nello stesso momento.

Questo è l’esempio che i pro-test fanno per spiegare la validazione del modello animale, niente di più imbarazzante per questi soggetti.

Infatti, se prendo quella stessa mela e la inserisco in un bicchiere pieno di acido cloridrico, essa si scioglie.

Se faccio la stessa operazione con la biglia, quest’ultima reagirà all’acido dando sali di ferro e sviluppando idrogeno. Possiamo facilmente capire come diversi oggetti o soggetti di specie diverse hanno reazioni, apparentemente simili, ma nello specifico assolutamente diverse.

La stessa cosa vale per l’animale umano e l’animale non umano, possono sembrare simili in alcune circostanze ma sono sensibilmente diversi.

Esempio eclatante è il fegato di un babbuino paragonato a quello dell’uomo; è stato appurato che i due fegati hanno reazioni diverse a stimoli e malattie. Infatti, “il sistema immunitario degli uomini e quello dei babbuini non è compatibile” (Ignazio Marino).

La reazione visiva dei macachi, provocata da elettrodi inseriti nella corteccia corticale, non è paragonabili a quella degli uomini. Questo è facilmente deducibile da pochi elementi già verificati in anni di torture agli animali; come detto prima il sistema immunitario è diverso così come diversa è la morfologia degli organi, ma anche la reazione alle diverse azioni mostrate ai soggetti.

L’università di Parma ha già fatto questi “studi” sui macachi, per scoprire quello che noi antivivisezionisti diciamo da tempo. Il prof. Rizzolati ha scoperto l’acqua calda torturando gli animali !

“L’aspetto più sociologico derivante da questa scoperta è stata la dimostrazione che esiste un meccanismo biologico che mette in contatto noi e gli altri, che ci fa stare bene con le altre persone.” (Giacomo Rizzolati)

Doveva torturare gli animali per scoprire questa grande verità; il dott. Rizzolati poteva leggersi:

Jean-Jacques Rousseau “I nostri primi maestri di filosofia sono i nostri piedi, le nostre mani, i nostri occhi.”;

Erodoto “Gli uomini si fidano delle orecchie meno che degli occhi.”

in ultima analisi poteva ascoltare Vasco Rossi “E quando guardi con quegli occhi grandi, forse un po’ troppo sinceri, sinceri, si vede quello che pensi, quello che sogni…”.

#civediamoliberi #livogliamoliberi

Parma 14 settembre 2019 ore 15,00 Piazzale della Stazione.

#undovereesserci

Condividi con chi vuoi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter

Un pensiero riguardo “Vivisezione Parma – salviamo i macachi

  1. maurizio spinucci ha detto:

    alessandro stiamo dalla parte della giustizia del diritto e dell amore per tutti. quindi!? avanti tuttaaaaaaa.
    vinceremo questa guerra per salvare il mondo. ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *